cHI è MATTIA? COSA CI RACCONTA L'EVANGELO COME MI è STATO RIVELATO

da pastore ad apostolo: Mattia

San Mattia

Mattia Negli "atti degli Apostoli" - il testo

Mattia viene citato per la prima ed unica volta in Atti degli Apostoli 1,12-26. Riporto il passo per intero:

Allora ritornarono a Gerusalemme dal monte detto degli Ulivi, che è vicino a Gerusalemme quanto il cammino permesso in giorno di sabato. Entrati in città, salirono nella stanza al piano superiore, dove erano soliti riunirsi: vi erano Pietro e Giovanni, Giacomo e Andrea, Filippo e Tommaso, Bartolomeo e Matteo, Giacomo figlio di Alfeo, Simone lo Zelota e Giuda figlio di Giacomo. Tutti questi erano perseveranti e concordi nella preghiera, insieme ad alcune donne e a Maria, la madre di Gesù, e ai fratelli di lui.

In quei giorni Pietro si alzò in mezzo ai fratelli – il numero delle persone radunate era di circa centoventi – e disse: «Fratelli, era necessario che si compisse ciò che nella Scrittura fu predetto dallo Spirito Santo per bocca di Davide riguardo a Giuda, diventato la guida di quelli che arrestarono Gesù. Egli infatti era stato del nostro numero e aveva avuto in sorte lo stesso nostro ministero. Giuda dunque comprò un campo con il prezzo del suo delitto e poi, precipitando, si squarciò e si sparsero tutte le sue viscere. La cosa è divenuta nota a tutti gli abitanti di Gerusalemme, e così quel campo, nella loro lingua, è stato chiamato Akeldamà, cioè “Campo del sangue”. Sta scritto infatti nel libro dei Salmi:

La sua dimora diventi deserta
e nessuno vi abiti,
e il suo incarico lo prenda un altro.

Bisogna dunque che, tra coloro che sono stati con noi per tutto il tempo nel quale il Signore Gesù ha vissuto fra noi, cominciando dal battesimo di Giovanni fino al giorno in cui è stato di mezzo a noi assunto in cielo, uno divenga testimone, insieme a noi, della sua risurrezione».

Ne proposero due: Giuseppe, detto Barsabba, soprannominato Giusto, e Mattia. Poi pregarono dicendo: «Tu, Signore, che conosci il cuore di tutti, mostra quale di questi due tu hai scelto per prendere il posto in questo ministero e apostolato, che Giuda ha abbandonato per andarsene al posto che gli spettava». Tirarono a sorte fra loro e la sorte cadde su Mattia, che fu associato agli undici apostoli.”

Mattia nell'"Evangelo come mi è stato rivelato" - il testo

Riporto l’elezione di Mattia, come narrata nell’Evangelo (EV 639)

1 È una placida sera. La luce decade dolcemente facendo del cielo, poc’anzi porpureo, un delicato velario d’ametista. Presto sarà buio, ma per ora ancora è luce, ed è dolce questa luce serotina languida dopo tanto ardore di sole.
   Il cortile della casa del Cenacolo, vasto fra i muri bianchi della casa, è pieno di gente come nelle sere dopo la Risurrezione. E da questa gente raccolta sale un brusio concorde di preghiere, interrotte ogni tanto da pause di meditazione.
   Calando sempre più la luce nel cortile, chiuso fra le alte mura della casa, alcuni portano dei lumi che mettono sul tavolo presso il quale sono radunati gli apostoli: Pietro al centro, al suo fianco Giacomo d’Alfeo e Giovanni, poi gli altri.
   La luce palpitante delle fiammelle illumina di sotto in su i volti apostolici, dando grande risalto ai loro tratti e mostrando le loro espressioni: concentrata quella di Pietro, come tesa nello sforzo di fare degnamente queste prime funzioni del suo ministero; di una mitezza ascetica quella di Giacomo d’Alfeo; serena e sognante quella di Giovanni, e al suo fianco il viso di pensatore di Bartolomeo, seguito da quello pieno di vivacità di Tommaso e poi da quello di Andrea, velato dalla sua umiltà che lo fa stare ad occhi quasi chiusi, un poco chino: pare che dica “io non sono degno”; vicino a lui Matteo, un gomito puntato sulla mano dell’altro braccio, la guancia appoggiata sulla mano del braccio sorretto; e, dopo Giacomo d’Alfeo, il Taddeo dal viso d’imperio e dallo sguardo così ricordante, nel colore e nell’espressione, quello di Gesù: un vero dominatore di folle.
   Anche ora tiene quieta l’assemblea, tenendola sotto il fuoco dei suoi occhi più che non lo facciano tutti gli altri presi insieme; eppure, dalla sua involontaria imponenza regale si vede affiorare il sentimento compunto del cuore, specie quando viene il suo turno di intonare una preghiera. Quando dice il salmo: «Non a noi, Signore, non a noi, ma al tuo Nome da’ gloria per la tua misericordia e fedeltà, perché non abbiano a dire le nazioni: “Dove è il loro Dio?”», egli prega realmente con l’anima inginocchiata davanti a Colui che lo ha eletto, e il sentimento più forte nel suo interno vibra nella sua voce; anche egli dice con tutto il suo pregare: «io non son degno di servire Te, così perfetto».
   Filippo, al suo fianco, volto già segnato dagli anni sebbene ancor nell’età virile, sembra uno che contempli uno spettacolo noto a lui solo, e sta con le mani premute contro le guance, un poco chino e un poco mesto… mentre lo Zelote guarda in alto, lontano, e ha un intimo sorriso che gli fa più bello il volto non bello ma attraente per la sua signorilità austera. Giacomo di Zebedeo, tutto impulso e fremiti, dice le sue preghiere come ancora parlasse al Maestro amato, e il 12° salmo esce irruente dal suo spirito acceso. Terminano col lungo e bellissimo salmo 118°, che dicono una strofa per uno, ripetendo per due volte il turno per compire il numero delle strofe.
 2 Poi si raccolgono tutti in silenzio sinché Pietro, che si è seduto, sorge in piedi come sotto l’impulso di un’ispirazione, pregando forte a braccia aperte come faceva il Signore: «Manda a noi il tuo Spirito, o Signore, perché noi si possa vedere nella sua Luce».
   «Maran-atà», dicono tutti.
   Pietro si raccoglie in un intenso e muto pregare, ma forse è più un ascoltare che un pregare, o per lo meno un attendere parole di luce… Poi alza il capo di nuovo e di nuovo disserra le braccia che aveva incrociate sul petto e, poiché è piccolo rispetto ai più, sale sul suo sedile per dominare la piccola folla che si assiepa nel cortile e per essere visto da tutti. E tutti, comprendendo che ha da parlare, tacciono guardandolo attenti.
 3 «Fratelli miei, era necessario che si adempisse quella Scrittura predetta dallo Spirito Santo per bocca di Davide riguardo a Giuda, il quale fu di guida a coloro che catturarono il Signore e Maestro nostro benedetto: Gesù.
   Egli, Giuda, era uno dei nostri ed ebbe la sorte di questo ministero. Ma la sua elezione si mutò per lui in rovina, perché Satana entrò in lui per molte vie e da apostolo di Gesù lo fece traditore del suo Signore. Credette di trionfare e godere e vendicarsi così del Santo, che aveva deluso le speranze immonde del suo cuore pieno di ogni concupiscenza. Ma allor che credeva di trionfare e godere, comprese che l’uomo che si fa schiavo di Satana, della carne, del mondo, non trionfa, ma anzi morde la polvere come chi è sconfitto. E conobbe che il sapore dei cibi dati dall’uomo e da Satana è amarissimo e diverso totalmente dal pane soave e semplice che Dio dà ai suoi figli. E allora conobbe la disperazione e odiò tutto il mondo dopo avere odiato Dio, e maledisse tutto ciò che il mondo gli aveva dato, e si dette la morte appiccandosi ad un ulivo dell’uliveto che si era comperato con le sue iniquità, e il giorno che il Cristo risorse glorioso da morte il suo corpo putrido e già verminoso crepò e le sue viscere si sparsero a terra a pie’ dell’ulivo, rendendo immondo quel luogo.
   Sul Golgota piovve il Sangue redentore e purificò la Terra, perché era il Sangue del Figlio di Dio incarnatosi per noi. Sul colle che è presso al luogo dell’infame Consiglio non sangue, non lacrime di rimorso buono, ma lordure di viscere sfatte piovvero sulla polvere. Perché non poteva nessun altro sangue mescolarsi a quello santissimo in quei giorni di purificazione, nei quali l’Agnello ci lavava nel suo Sangue, e men che mai poteva la Terra, che beveva il Sangue del Figlio di Dio, bere anche il sangue del figlio di Satana.
   La cosa è risaputa. E con questo si sa ancora che, nel suo furore di dannato, Giuda riportò nel Tempio il denaro dell’infame mercato percuotendo con esso, immondo, il volto del Sommo Sacerdote. E si sa che con quel denaro, preso dal Tesoro del Tempio, ma che in esso più non poteva venire riversato perché era prezzo di sangue, i principi dei Sacerdoti e gli Anziani, consigliatisi fra loro, hanno comperato il campo del vasaio, così come avevano detto le profezie specificando persino il prezzo di esso. E il luogo passerà alle storie dei secoli col nome di Aceldama.
   E tutto quanto è di Giuda così è detto, e sparisca di fra mezzo a noi anche il ricordo del suo volto, ma si abbia presente le vie per le quali da vocato dal Signore al Regno celeste scese ad esser principe nel Regno delle tenebre eterne, onde non calcarle imprudentemente noi pure divenendo altri Giuda, per la Parola che Dio ci ha affidata e che è ancora il Cristo, Maestro fra noi.
 4 Però sta scritto nel libro dei Salmi: “Diventi la loro abitazione deserta, né vi sia chi la abiti e il suo ufficio lo prenda un altro”. Bisogna dunque che di questi uomini, i quali sono stati insieme con noi per tutto il tempo in cui il Signore Gesù è stato con noi, andando e venendo, a cominciare dal Battesimo da parte di Giovanni fino al giorno in cui di mezzo a noi fu assunto al Cielo, uno sia con noi costituito testimone della Risurrezione di Lui. E occorre farlo con sollecitudine, perché sia presente con noi al Battesimo di Fuoco, del quale il Signore ci ha parlato, onde egli pure, che non ricevette lo Spirito Santo dal Maestro Ss., lo riceva direttamente da Dio e ne sia santificato e illuminato, ed abbia le virtù che noi avremo, e possa giudicare e rimettere e fare ciò che noi faremo, e siano validi e santi i suoi atti.
   Io proporrei di scegliere costui fra i fedelissimi fra i fedeli discepoli, quelli che già hanno patito per Lui rimanendogli fedeli anche quando Egli era l’Ignorato dal mondo. Molti di essi vengono a noi da Giovanni Precursore del Messia, animi modellati da anni al servizio di Dio. Il Signore li aveva molto cari, e carissimo fra essi Isacco, che tanto aveva patito per causa di Gesù infante. Ma voi lo sapete che il suo cuore si è spezzato nella notte che seguì l’Ascensione del Signore. Non lo rimpiangiamo. Egli è ricongiunto al suo Signore. Era l’unico desiderio del suo cuore… È anche il nostro… Ma noi dobbiamo patire la nostra passione. Isacco l’aveva già patita.
   Proponete dunque voi qualche nome fra questi, onde si possa eleggere il dodicesimo apostolo secondo gli usi del nostro popolo, lasciando nelle occorrenze più gravi al Signore altissimo la potestà di indicare, Lui che sa».
 5 Si consultano fra loro. Non passa molto tempo che i più importanti discepoli (fra i non pastori), di comune accordo con i dieci apostoli, comunicano a Pietro che essi propongono Giuseppe figlio di Giuseppe di Saba, per onorare il padre, martire per Cristo col figlio discepolo fedele, e Mattia, per le stesse ragioni del primo e inoltre per onorare anche il suo primo maestro: Giovanni.
   E avendo accettato Pietro il loro consiglio, fanno venire avanti al tavolo i due, e pregano intanto con le braccia tese in avanti nella posa abituale degli ebrei: «Tu, Signore altissimo, Padre, Figlio e Spirito Santo, unico e trino Iddio, che conosci i cuori di tutti, mostra quale di questi due Tu hai scelto a prendere in questo ministero e apostolato il posto dal quale prevaricò Giuda, per andare al posto di lui».
   «Maran-atà», fanno coro tutti.
   Non avendo dadi o altra cosa con cui tirare la sorte, e non volendo usare denaro per questa funzione, prendono dei sassetti sparsi nel cortile, dei poveri sassolini, tanti di bianchi, tanti di scuri, in numero uguale, decidendo che quelli bianchi sono per Mattia e gli altri per Giuseppe, e li chiudono in una borsa che vuotano da ciò che conteneva, la scuotono e la offrono a Pietro che, tracciato su essa un gesto di benedizione, vi immerge la mano e, pregando con gli occhi al cielo che si è fiorito di stelle, estrae un sasso: bianco come neve.
 6 Il Signore ha indicato Mattia per successore di Giuda.
 Pietro passa sul davanti della tavola e lo abbraccia «per farlo simile a lui», dice. Anche gli altri dieci ripetono lo stesso gesto fra le acclamazioni della piccola folla.
   In ultimo Pietro, dopo esser tornato al suo posto tenendo per mano l’eletto che tiene al suo fianco — così Pietro è ora fra Mattia e Giacomo d’Alfeo — dice: «Vieni al posto che Dio ti ha serbato e cancella con la tua giustizia il ricordo di Giuda, aiutando noi, tuoi fratelli, a compiere le opere che Gesù Ss. ci ha detto di compiere. La grazia del Signore nostro Gesù Cristo sia sempre con te».
   Si volge a tutti congedandoli…
   Mentre i discepoli sfollano lentamente da una uscita secondaria, gli apostoli rientrano nella casa conducendo Mattia a Maria, che è raccolta in preghiera nella sua stanza, perché anche dalla Madre di Dio il novello apostolo riceva la parola di saluto e di elezione.”

La figura di mattia-Tobia nell'Evangelo come mi è stato rivelato

Mattia è l’apostolo scelto per ricomporre il numero degli Apostoli (At 1,15-26) dopo il suicidio di Giuda Iscariota, il traditore. La sua elezione viene narrata nell’Evangelo nel capitolo 639.

Pietro, nel suo discorso prima dell’elezione, dice “Io proporrei di scegliere costui fra i fedelissimi fra i fedeli discepoli, quelli che già hanno patito per Lui rimanendogli fedeli anche quando Egli era l’Ignorato dal mondo. Molti di essi vengono a noi da Giovanni Precursore del Messia, animi modellati da anni al servizio di Dio.”

Nel testo si dice che sia Giuseppe che Mattia, i due candidati, erano stati scelti per onorare i loro rispettivi padri, martiri per Cristo. Inoltre Mattia era anche un discepolo di Giovanni Battista. Tirarono a sorte e venne scelto Mattia, che viene salutato da Pietro così: “Vieni al posto che Dio ti ha serbato e cancella con la tua giustizia il ricordo di Giuda, aiutando noi, tuoi fratelli, a compiere le opere che Gesù Ss. ci ha detto di compiere. La grazia del Signore nostro Gesù Cristo sia sempre con te.

Nel primo anno della vita pubblica, fra i primi luoghi in cui si reca Gesù c’è Betlemme, nei luoghi della Natività, accompagnato nell’occasione da Giovanni di Zebedeo, Simone Zelote e Giuda Iscariota il traditore.

Gesù oltre a mostrare questi santi luoghi ai tre apostoli, vuole anche ricercare le figure che al tempo furono gentili con Giuseppe e Maria ai tempi della sua nascita a Betlemme, tra cui ovviamente i pastori, i primi ad adorare Gesù Bambino nella grotta di Betlemme.

Gesù incontra due dei pastori della Natività e il figlio di uno di loro in EV 75 e si informa su dove siano tutti gli altri, visto che i pastori presenti quella notte erano 12. (La nascita di Gesù Cristo è raccontata in EV 29 e l’adorazione dei pastori in EV 30, dove nell’elenco dei nomi dei pastori v’è anche quello di Tobia)

Gli uomini rispondono che i tre pastori “Simeone, Giovanni e Tobia, che ora si fa chiamare Mattia a ricordo del padre, anche lui ucciso, sono discepoli di Giovanni.”

Dunque ecco i tre validi motivi per cui identifichiamo il Mattia di EV 75 con il Mattia di EV 639:

– lo stesso nome ovviamente

– il fatto che abbia cambiato il proprio nome in ricordo del padre, come spiegato in EV 639

– il fatto che sia discepolo di Giovanni, come raccontato anche in EV 639

Dunque Tobia-Mattia, che con la sua elezione da parte dello Spirito Santo, ha riportato il numero degli Apostoli a 12, è uno dei pastori che a Betlemme ha adorato Gesù Bambino. Successivamente ha cambito nome in Mattia, per onorare il padre ed ha iniziato a seguire Giovanni Battista, prima della sua decapitazione.

Altri brani in cui si parla di Mattia-Tobia:

  • L’adorazione dei pastori a Gesù Bambino è raccontata in EV 30, in cui uno dei pastori dice di chiamarsi appunto Tobia, che successivamente come abbiamo visto cambierà il suo nome in Mattia, ad omaggio del padre.
  • Gesù incontra i pastori Mattia-Tobia, Simeone e Giovanni, discepoli di Giovanni Battista, al tempo imprigionato, al guado del Giordano in EV 81 e EV 82 dove raccolgono alcuni denari per pagare una cauzione per il Battista, dandosi appuntamento a Gerusalemme, dopo 10 giorni.
  • In EV 89 Gesù porta alla Madre il saluto anche dei pastori, di cui Lei ha sempre avuto un caro ricordo.
  • I tre pastori Mattia-Tobia, Simeone e Giovanni assistono ad uno dei discorsi di Gesù alla tenuta dell’Acqua Speciosa in EV 127. Valtorta scrive riguardo a Mattia “Tutto in lui è saggezza” e Gesù dice a Mattia: “Bene parli, Mattia. La sapienza è con te.
  • Giovanni Battista affida i “suoi” discepoli a Gesù in EV 148:

Io vado a morire. Ma come un padre si preoccupa dei figli suoi, io dei miei discepoli mi preoccupo. I miei discepoli… Tu sei Maestro e sai come per essi è vivo in noi l’amore. L’unica pena del mio morire è la tema che essi si perdano come pecore senza pastore. Raccoglili Tu. Io ti rendo i tre che sono tuoi e che mi furono perfetti discepoli in attesa di Te. In essi, e specie in Mattia, è realmente presente la Sapienza. Altri ne ho. E a Te verranno. Ma questi, lascia che io te li affidi personalmente. Sono i tre più cari». 
 «Ed Io cari li ho. Va’ tranquillo, Giovanni. Non periranno. Né questi né gli altri che hai, veri discepoli. Io raccolgo la tua eredità e la veglierò come il tesoro più caro venuto dal perfetto amico mio e servo del Signore».

  •  In EV 198 apprendiamo che Mattia, assieme a Simeone e Giovanni, spesso nominati insieme, cercano di recuperare informazioni su di lui mentre è in prigionia
  • Mattia, con Giovanni e Simeone porta la notizia dell’uccisione di Giovanni Battista a Gesù in EV 270. Gesù dice loro “Venite. Mi racconterete. Da oggi siete miei” I discepoli raccontano com’è stato ucciso il Precursore.
  • In EV 405 Mattia, vedendo Gesù riposare, rievoca il momento in cui l’ha visto appena nato, riposare nella grotta della Natività.
  • Gesù spiega che soffrirà “tutto il dolore dell’Umanità“, cioè di ogni generazione, passata, presente, futura…non solamente “tutto il male di cui sarà capace di colpirti questa generazione“, come gli aveva detto Mattia.
  • Mattia riporta a Gesù Mannaen e Timoneo, che si sentono vergognosi nei confronti di Gesù e colpevoli in EV 489.
  • Con Gesù ed i pastori, a Betlemme, alla Grotta della Natività. EV 538
  • Interroga Gesù sull’edificazione della Chiesa, il Mercoledì Santo. EV 596
  • Tra i pochi ad essere presente nel momento in cui Gesù Cristo è davanti a Pilato. EV 604
  • Gesù appare ai pastori, tra cui ovviamente Mattia in EV 624.
  • Presente durante l’Ascensione di Gesù, in EV 638.
  • Durante il giorno di Pentecoste, riceve lo Spirito Santo. EV 640
  • In EV 641 è con gli altri apostoli mentre Pietro celebra l’Eucarestia, pochi giorni dopo Pentecoste, in una delle prime riunioni cristiane.

 

Signore Iddio altissimo, Dio e Padre del tuo popolo, che accetti e consacri i cuori e gli altari e immoli le vittime a Te gradite, scenda come un fuoco il tuo volere e mi consumi vittima con Cristo, come Cristo e per Cristo, tuo Figlio e tuo Messia, mio Dio e Maestro. A Te mi raccomando. Esaudisci la mia preghiera

MATTIA - EVANGELO COME MI è STATO RIVELATO, EV 538

Collegamenti Interni